Il motivo religioso

Il seguente testo è stato scritto esclusivamente per le persone che credono in Dio. Qui non è importante una religione concreta, perché il testo si fonda soltanto su quello che tutte le (grandi) religioni hanno in comune.

Secondo quanto riportano tutte le religioni, Dio creò il mondo, gli uomini e gli animali. Dio regalò all’uomo il corpo, lo spirito e la salute. Dio creò un ambiente intatto con gli animali che lo occupano.

È pensabile che Dio osservi con compiacimento che ...

  • il Suo Creato sia sfruttato e distrutto?
  • l’uomo rovini la salute che gli è stata regalata con un’alimentazione dannosa?
  • l’uomo privi il suo prossimo nel Terzo Mondo del cibo, che lo lasci morire di fame e che con questo cibo faccia ingrassare, invece, gli «animali da reddito» tormentati perché ritiene più importante deliziarsi il palato di quanto stimi la vita di un altro essere umano?
  • l’uomo distrugga l’ambiente e provochi una catastrofe climatica?
  • gli animali da Lui creati siano sfruttati e tormentati?

Tutto ciò succede perché l’uomo consuma carne, salsicce, latte, formaggio, uova e altri prodotti animali. Chiunque mangi questi prodotti animali, fa parte di un sistema che danneggia e distrugge il Creato di Dio. È beninteso che si tratta di una partecipazione con piena cognizione dei nessi descritti in questo opuscolo.

Per un credente che ha calpestato il Creato potrebbe finire in modo disastroso allorquando, dopo i pochi anni della sua esistenza mortale, dovrà presentarsi davanti al Creatore. Tutto ciò vale la pena in cambio di una banale delizia del palato?